L’Acustica nel Piano Casa: l’Importanza dei Dettagli

La cura dei dettagli acustici nel piano casa può essere quel valore aggiunto che ci permette di realizzare un ottimo lavoro.

Come sapete, mi occupo da anni di acustica, con particolare attenzione all’acustica nell’edilizia e ai requisiti acustici passivi degli edifici.

Troppo spesso, purtroppo, vengo chiamato “a cose fatte”:

“Buongiorno Ingegnere, il comune ci chiede un collaudo acustico, lei se ne può occupare?”

All’interno di questa domanda c’è almeno un errore di approccio alla materia: “il comune ci chiede il collaudo acustico“.

Da qui deduco che:

  • con molta probabilità il progetto e la costruzione sono stati realizzati senza tenere conto degli aspetti acustici
  • con altrettanta probabilità, il collaudo acustico non darà esito positivo
  • il comportamento acustico della costruzione è visto come un’imposizione burocratica comunale, e non come un valore aggiunto per il comfort abitativo

Se la stessa conversazione avvenisse prima di realizzare l’opera, con qualche piccolo accorgimento e senza nessun onere economico aggiuntivo nel costruire, si riuscirebbero ad ottenere i risultati acustici desiderati.

E’ importante rispettare i requisiti acustici passivi degli edifici non tanto perchè è una imposizione normativa, quanto perchè il rumore negli ambienti è la principale e più importante causa di stress e di malessere abitativo.

Ed è anche l’unico difetto al quale non possiamo porre rimedio, se non con consistenti e onerosi lavori edili.

Se all’interno della nostra casa abbiamo freddo, o caldo, possiamo accendere il riscaldamento o l’impianto di condizionamento. Il peggio che può accadere è una bolletta più salata.

Se in casa sentiamo il vicino anche quando respira, che possiamo fare?

Nulla.

Ecco perché è troppo importante effettuare un progetto acustico prima di realizzare l’opera. E spesso basta veramente poco, solo una particolare cura nei dettagli.

E non si tratta della classica frase che sento spesso “si, abbiamo messo il tappetino acustico“.

Non serve a nulla il “tappetino” se non è stato posato correttamente, con le bande perimetrali, senza creazione di ponti acustici, senza interruzione di impianti, ecc…

Come spiego in questo articolo nel quale riporto alcuni esempi di dettagli in acustica, infatti, in materia di prestazioni acustiche degli edifici, l’attenzione per i dettagli può essere l’elemento discriminante tra un ottimo lavoro e un lavoro pessimo.

God is in the details.

Non dimenticatelo.

Ing. Enrico Craboledda

CONTATTAMI!
  • Nome*
    0
  • Cognome*
    1
  • Comune*
    2
  • Email*
    3
  • Telefono*
    4
  • Messaggio*
    5
  • Privacy*
    Acconsento al trattamento dei dati personali
    6
  • 7

 

Altri Articoli