Proroga in vista. Presentato il Progetto di Legge per prorogare al 2020

Proroga in vista. Presentato il Progetto di Legge

Era nell’aria.

In tanti l’aspettavamo.

E’ stato presentato il progetto di legge che intende prorogare la scadenza dell’attuale piano casa al giugno 2020.

Ma c’è di più.

Scadenza al Giugno 2020

Il primo elemento interessante, se non il più atteso quantomeno il più probabile, riguarda la proroga della scadenza della norma al 2020.

Potrebbe essere utile, durante il dibattito in Consiglio, inserire qualche emendamento che specifichi che il termine è da intendersi per la presentazione dell’istanza e non per il rilascio del provvedimento (come erroneamente stavano interpretando diversi uffici tecnici comunali).

Revisione del PPR

La proposta di legge contiene un indicazione temporale che ci si dà per la revisione del PPR: termine entro il 2021.

Modifica per la possibilità di costruire in agro

Ritornerà possibile edificare in agro per tutti (o quasi) a prescindere dal requisito soggettivo (la norma apre la possibilità a tutti i proprietari, o detentori in particolari condizioni).

Un aspetto interessante, in forte controtendenza a quanto siamo stati abituati negli ultimi anni, è la possibilità di edificare con

  • superficie minima un ettaro
  • raggiungibile anche con terreni non contigui tra loro

Ridotta la metratura per il Frazionamento degli ampliamenti volumetrici

Nelle zone A, B e C la possibilità di frazionare gli ampliamenti volumetrici derivanti dal piano casa (L.R. 8/2015) viene portata dagli attuali 70 mq lordi a 50 mq lordi.

Negli altri casi (ovvero quando l’unità più piccola è inferiore a 50 mq lordi) il vincolo di non alienazione viene portato da 10 a 5 anni.

Questo si allinea con la possibilità di frazionare gli ampliamenti derivanti dal “vecchio” piano casa, per i quali era già stata inserita la possibilità di frazionamento se l’unità più piccola, derivante dal frazionamento, avesse superato 50 mq lordi.

Demolizione e ricostruzione nei 300 m

Viene riaperta la possibilità di demolire e ricostruire per gli immobili ricadenti nei 300 m dalla linea di battigia, anche se ricadenti in zona E, F, G e H.

Ing. Enrico Craboledda


Contattaci!

Leave a Comment

Altri Articoli