Recupero dei Sottotetti Esistenti ai Fini Abitativi

L’articolo 32 del Nuovo Piano Casa disciplina il riuso e recupero ai fini abitativi dei sottotetti: vediamo come funziona.

L’articolo 32 del Piano Casa Sardegna L.R. 8/2015 ci consente di recuperare e riusare ai fini abitativi i sottotetti esistenti.

E’ suddiviso in otto commi che proverò a riassumere:

Il primo definisce i sottotetti  esistenti come

i volumi compresi tra l’estradosso della chiusura orizzontale superiore, anche non calpestabile, dell’ultimo livello agibile e l’intradosso delle falde della copertura a tetto, localizzati all’interno della sagoma dell’edificio regolarmente approvata con titolo abilitativo, ove prescritto.

I successivi commi differenziano due tipologie di intervento:

  • il riuso dei sottotetti esistenti (soggetto a presentazione della SCIA)
  • il recupero con incremento volumetrico dei sottotetti esistenti (soggetto a richiesta del Permesso di Costruire)

Nel caso del “riuso dei sottotetti esistenti“, per le zone A B e C, la legge ci consente di riutilizzarli, purché siano già verificate alcune condizioni di altezze (minime e medie).

Nel secondo caso, per le sole zone B e C, possiamo recuperare i sottotetti esistenti anche con incremento volumetrico ai fini abitativi anche elevando le altezze di colmo e gronda, affinché si ottengano le altezze necessarie.

Nel caso di recupero con incremento, però,  poichè non siamo più vincolati all’esistenza ante operam delle altezze minime, la legge impone che sia verificata almeno una delle seguenti condizioni:

a) altezza minima in gronda non inferiore a 0.60 m e pendenza minima del 20%

b) falde con pendenza minima del 25%, purchè il nuovo volume non deroghi all’altezza dello strumento urbanistico

Quindi, se ci troviamo nella condizione a), l’incremento con riuso è consentito anche in deroga all’altezza massima prevista dai regolamenti comunali; se ci troviamo nella condizione b), invece, possiamo innalzare ma dobbiamo rispettare l’altezza massima prevista, per quella zona, dallo strumento urbanistico

L’ultimo comma, l’ottavo, ci indica quali sono le deroghe ammesse per questo tipo di intervento:

  • superamento indici volumetrici
  • superamento limiti di altezza 
  • superamento distanza fabbricati
  • superamento distanza pareti finestrate
  • superamento distanza confini

Le deroghe in materia di distanze (fabbricati, pareti finestrate e confini) fino ai limiti previsti dal Codice Civile e solo se in prosecuzione delle murature dell’edificio.

 

Parere Personale

Nutro qualche dubbio sulla deroga alle pareti finestrate, ma sino ad ora nessuno ha sollevato la questione.

Non tanto perché la legge non sia chiara in merito (è molto chiara, almeno su questo punto), quanto perché già in precedenza la deroga alle pareti finestrate è stata motivo di numerose controversie tra confinanti, sfociando in sentenze che, quasi sempre, tendono ad imporre il rispetto della distanza tra le pareti finestrate.

Mah … vedremo che succederà.

Vantaggi

recupero e riuso ai fini abitativi dei sottotettiUna domanda che mi si pone spesso è

“è vantaggioso recuperare ai fini abitativi i sottotetti  ?”

E’ chiaro che la risposta dipende da persona a persona e da caso a caso, ma possiamo evidenziare alcuni punti che rendono vantaggioso questo tipo di intervento:

1 – Aggiunge valore

Soprattutto nei centri maggiormente popolati, recuperare i sottotetti significa aggiungere valore al proprio immobile, se il recupero del sottotetto è inteso come estensione della propria unità

2 – E’ possibile creare una nuova unità immobiliare

Il recupero dei sottotetti può generare una nuova unità immobiliare, funzionalmente autonoma, che può essere venduta separatamente dall’unità principale. Un vero e proprio investimento.

3 – E’ una possibilità limitata nel tempo

Il recupero e riuso dei sottotetti ai fini abitativi, attualmente, è ammesso fino al 31 dicembre 2016. Oggi è possibile, in deroga allo strumento urbanistico. Domani probabilmente no.

 

Vuoi Recuperare il tuo sottotetto?

 Contattami 🙂

Ing. Enrico Craboledda

Altri Articoli