Il Nuovo Disegno di Legge è la Pietra Tombale dell’Edilizia

L’ANCE Sardegna, con un’intera pagina su L’Unione Sarda, esprime il suo disappunto il nuovo DDL e chiede alla classe politica di lasciare ideologia, tattica e appartenenza politica, per riportare in auge il “vecchio” Piano Casa Sardegna.

Ance Piano Casa SardegnaDomenica 08/03/2015. Si ritorna a parlare di edilizia e di piano casa.

L’ANCE Sardegna (Associazione Nazionale Costruttori Edili) ne parla attraverso una pagina (acquistata, credo) sul quotidiano L’Unione Sarda in cui esprime il suo disappunto sulle norme contenute nel nuovo disegno di legge.

La contestazione pubblicata dell’Ance è lunga e articolata, ma vediamo quali sono i punti principali che l’ANCE affronta:

  • evidenzia i benefici portati dal vecchio piano casa, ricordando che tutti gli investimenti nel settore edile (portati dal piano casa appena scaduto) provengono da privati e da fondi privati, e non da investimenti pubblici
  • evidenzia i benefici portati da tali investimenti, con l’aumento dei posti di posti di lavoro, che andranno perduti a causa dell’attuale vuoto normativo che ha generato incertezza, che darà poche possibilità di lavoro
  • richiama al dovere, infine, i politici che ci governano (opposizione compresa), chiedendo loro di “svestirsi” di ideologie e di abbandonare i tatticismi politici, per prorogare la vecchia legge, e non proseguire sulla strada del nuovo DDL che, secondo l’ANCE, “limita e preclude ogni possibilità di sviluppo, offre solo dinieghi, ammazza tutto il comparto dell’edilizia, che in Sardegna è fatto per il 97% di piccole e piccolissime attività, padri e figli di famiglie che continueranno a perdere il lavoro, anche quello appena ritrovato“.

E mentre l’ANCE pubblica il suo disappunto su L’Unione Sarda, SardiniaPost.it pubblica l’ennesimo battibecco tra il presidente Pigliaru, che si pavoneggia su Facebook con i numeri positivi del 2014 dell’edilizia sarda, e l’ex presidente Cappellacci che gli ricorda che loro hanno interrotto questo trend positivo con la scelta di far terminare il piano casa.

pigliaru dichiarazione edilizia facebook

Ancora, su La Nuova Sardegna, invece, possiamo leggere un articolo decisamente contrario al nuovo DDL: Rispunta il cemento sul mare e nei centri storici: ecco la legge

Insomma, pare che questo disegno di legge piaccia solo a chi l’ha scritto. Anzi no, forse nemmeno a chi l’ha scritto.

Gira voce che saranno tanti gli emendamenti che saranno presentati, molti dei quali della maggioranza stessa. “Gira voce“, però!

Domani 10/03/2015  dovrebbe iniziare la discussione in aula.

Vi terrò aggiornati.

Ing. Enrico Craboledda

Altri Articoli