Piano Casa Sardegna 2015 : novità all’orizzonte

Un articolo de L’Unione Sarda e un ordine del giorno approvato oggi dal Consiglio Regionale aprono ad una proroga con revisione del testo di legge. Ma … c’è sempre un “ma”!

Un articolo pubblicato oggi sul quotidiano L’Unione Sarda anticipava quanto confermato nella seduta odierna del Consiglio Regionale.

Sul sito del Consiglio Regionale si legge

Il Consiglio regionale ha approvato l’ordine del giorno sulla proroga del “piano casa” con 39 voti favorevoli, 13 contrari e 1 astenuto.
Il testo impegna “il presidente della Regione e la Giunta regionale a presentare nel più breve tempo possibile un disegno di legge che promuova la riqualificazione e il miglioramento della qualità architettonica, della qualità abitativa e dell’efficienza energetica del patrimonio edilizio esistente, la limitazione del consumo del suolo, la riqualificazione dei contesti paesaggistici e ambientali compromessi. Il raggiungimento delle finalità sopra espresse dovrà essere garantito mediante misure strutturali, prive di carattere di straordinarietà; a prevedere nel medesimo disegno di legge disposizioni di semplificazione delle procedure in materia edilizia,urbanistica e paesaggistica e di riordino normativo”.

Un primo elemento positivo lo si legge nella richiesta di una legge strutturale senza scadenza.

Per capire qualcosa di più, però, dobbiamo integrare con quanto riportato sul quotidiano sardo nel quale l’Assessore all’Urbanistica Erriu ha illustrato le misure principali contenute nel nuovo Piano Casa della Sardegna

  • nessun recupero ai fini abitativi dei seminterrati
  • nessun intervento entro i 300 m dal mare (strutture ricettive escluse)
  • nessun ampliamento nei centri storici
  • rimangono in vigore gli ampliamenti volumetrici nelle zone residenziali

Insomma, letto così, sembra lo stesso piano casa, con una serie di possibilità in meno. Ma leggendo oltre, Erriu dice

Daremo forma a un disegno di legge che assicurerà una maggiore qualità urbanistica e farà un passo importante sotto il profilo dell’efficienza energetica.

C’è alle spalle un lavoro di molti mesi che mira anche a semplificare le regole nella giungla di articoli che ha spesso parametri di riferimento ormai datati come quelli degli anni Ottanta

Stessi concetti ribaditi nel medesimo articolo anche dal presidente della commissione Urbanistica in Consiglio regionale Antonio Solinas.

Di diverso avviso è l’ANSA che titola

Niente proroga per il Piano casa

nel quale articolo si legge che non ci sarà la proroga dell’attuale piano casa, ma una nuova legge che riprende alcune parti del testo attuale, con l’insoddisfazione dell’opposizione

Per ora non possiamo fare altro che attendere e sperare di conoscere presto i dettagli.

Piccolo sunto finale :

  • non speriamo nella proroga dell’attuale Piano Casa Sardegna
  • chi ha intenzione di recuperare ai fini abitativi un piano seminterrato è bene che presenti l’istanza il prima possibile
  • i proprietari di immobili all’interno dei 300 m, non perdano tempo
  • idem come sopra per gli immobili in centro storico
  • Aspettiamo questo lavoro che prosegue da mesi per vedere quale sarà la nuova versione del Piano Casa Sardegna 2015 della giunta Pigliaru

 Consueto consiglio:

tra vedere e non vedere, meglio non aspettare.

Enrico Craboledda

 

PS: sarebbe stato bello conoscere i dettagli propositivi del nuovo disegno di legge, e non solo  le parti in rimozione dell’attuale legge

 

Altri Articoli