Il Piano Casa Sardegna con il SUAPE

Dal 13 marzo 2017 le pratiche edilizie si presentano tramite il nuovo sistema regionale SUAPE

In principio fu il SUAP, acronimo di Sportello Unico Attività Produttive.

Dopo anni di collaudo e di rodaggio, la Regione Sardegna ha deciso che anche gli interventi di edilizia privata potevano passare per un portale regionale, mediante presentazione telematica, la cui modulistica era uguale per tutti i comuni.

Venne così il SUE, Sportello Unico dell’Edilizia.

I due portali erano uno la copia dell’altro. Si differenziavano “solo” perché relativi a due target differenti: uno destinato alle attività produttive, l’altro all’edilizia privata.

Allora in Regione hanno bene pensato di fondere i due sistemi, e accorparli in un unico portale

SUAP + SUE = SUAPE

Oltre al portale, con l’entrata in vigore del sistema SUAPE sono cambiati anche diversi aspetti normativi e procedurali, sui quali non voglio entrare nel merito.

Quindi, con il SUAPE, che cosa cambia per il Piano Casa Sardegna?

Nulla. Anche se…

…a mio avviso, c’è un aspetto che può migliorare notevolmente la qualità del costruito: la modulistica unica, valida per tutto il territorio regionale, impone, anche ai comuni più reticenti, una corretta applicazione di tutte le norme di settore, tra le quali quelle mi stanno a cuore: le norme in materia di contenimento dei consumi energetici degli edifici e per il rispetto dei requisiti acustici passivi degli edifici.

Ing. Enrico Craboledda

Dubbi? Domande? Informazioni?  Contattami!

CONTATTAMI!
  • Nome*
    0
  • Cognome*
    1
  • Comune*
    2
  • Email*
    3
  • Telefono*
    4
  • Messaggio*
    5
  • Privacy*
    Acconsento al trattamento dei dati personali
    6
  • 7

Altri Articoli